Parodontologia

GENGIVITE E PARODONTITE
La parodontologia è una branca dell’Odontoiatria che studia i tessuti del parodonto (peri = attorno; odons = dente) e le patologie ad esso correlate. Il parodonto è costituito da:
gengiva – osso alveolare – cemento radicolare (tessuto che ricopre la radice del dente) – legamento parodontale.
La parodontologia si occupa quindi dell’insieme dei tessuti molli (il legamento periodontale e la gengiva) e duri (cemento e tessuto osseo alveolare) che circondano il dente e che assicurano la sua stabilità nell’arcata alveolare (in condizioni di salute). La parodontologia, si occupa anche delle malattie che interessano il parodonto, queste vengono chiamate genericamente malattie parodontali o parodontopatie, o piorrea (termine storico oggi ancora utilizzato nella popolazione). Esse sono le parodontiti e le gengiviti.
La malattia parodontale è una malattia infettiva multifattoriale sitospecifica.
Infettiva: la causa necessaria che non può mai mancare sono i batteri (placca batterica);
multifattoriale: ha più concause che assieme possono potenziare e aggravare gli effetti della componente infettiva;
sitospecifica: ogni dente ed ogni sua zona può esserne colpito in maniera differente, grave, media, minima o nulla; per questo è necessaria una diagnosi accurata dente per dente.
Prima di procedere in operazioni protesiche, implanto-protesiche e ortodontiche, si esegue un’ accurato sondaggio parodontale per valutare lo stato di salute dei tessuti di sostegno ossia osso e gengive che circondano i denti. Si va alla ricerca di recessioni gengivali (gengiva abbassata che si evidenzia con un dente più lungo) e di tasche parodontali (gengiva nella posizione corretta, ma l’osso e l’attacco si sono spostati apicalmente lungo la radice, formando così uno spazio vuoto).
Si fa cioè diagnosi di MALATTIA PARODONTALE.

Igiene Orale – Detartrasi

Sbiancamento denti

Negli studi odontoiatrici del dott. Antonio Recchia si promuove la salute orale del paziente attraverso la prevenzione, diagnosi e ripristino funzionale ed estetico dei tessuti parodontali, ossia del tessuto che circonda il dente.
In primis si agevolano le famiglie con la SCHEDA D’IGIENE FAMILIARE per dare la possibilità a tutti di controllarsi periodicamente a costo zero!
L’ablazione del tartaro o detartrasi consiste nella rimozione meccanica dei depositi di tartaro sui denti utilizzando uno strumento odontoiatrico a ultrasuoni, ablatore che permette l’eliminazione degli agenti eziologici che causano infiammazione.
L’ablazione viene effettuata esclusivamente da un odontoiatra o da un’igienista che a fine seduta istruisce il paziente sul corretto uso dello spazzolino, filo interdentale o scovolino.

E’ un trattamento fondamentale per il mantenimento della salute delle gengive e di tutti gli altri tessuti di sostegno del dente come l’osso, il cemento ed il legamento parodontale.

Talvolta si ritiene erroneamente che l’ablazione del tartaro abbia un valore prettamente estetico, quindi mirato unicamente alla rimozione di depositi di tartaro e macchie che rendono il sorriso meno gradevole. In parte è senza dubbio vero che questo trattamento abbia un’importanza estetica rilevante, ma non bisogna dimenticarsi il suo ruolo fondamentale nella prevenzione di gengivite e parodontite e nella terapia delle stesse.

Con la pulizia dei denti andiamo a contrastare gli effetti nocivi provocati dalla placca batterica e dal tartaro rimuovendoli dalla superficie del dente.